Affettività e Biodanza

17022486 1088087658003567 2971534587052433298 nL'EDUCAZIONE AFFETTIVA NELLA SCUOLA
ATTRAVERSO IL SISTEMA BIODANZA

a Castelnuovo Don Bosco, Chivasso, Settimo T.se, Torino
 
Progetto di formazione a.s. 2018 per gli insegnanti della scuola dell'infanzia e primaria e della scuola secondaria

A.R.I.A. Associazione Culturale per il Rinforzo dell’Intelligenza Affettiva
“Direttiva n. 170 del 2016-Corsi di formazione destinati al personale della scuola riconosciuti a livello regionale a.s. 2018/19- Corso autorizzato dall’USR Piemonte Decreto prot.n. 8130 del 11 maggio 2018. Nota prot.n. 8229 del 15 maggio 2018

“La strada da seguire è quella della costruzione di legami affettivi e di solidarietà capaci di spingere le persone fuori dall’isolamento nel quale la società tende a rinchiuderle, in nome degli ideali individualistici che si vanno paurosamente diffondendo” (Umberto Galimberti, “L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani”, Feltrinelli).

La Biodanza può rispondere a queste esigenze, perché, secondo Rolando Toro, “il genio della specie umana è l’affettività”, cioè il sentire, non occasionalmente ma con continuità, affinità profonda con gli esseri umani. Da questo sentimento si originano amore, amicizia, altruismo, solidarietà, maternità, paternità, vincoli con il mondo che ci circonda. Le motivazioni esistenziali stesse sono di natura affettiva.

L’affettività è espressione dell’identità, un’identità sana permette di non sentire l’altro come minaccia e di rispettarne la diversità.

L’educazione emotivo affettiva deve essere al centro di ogni percorso scolastico, inteso come educazione della persona e premessa necessaria dell’apprendimento. “L’intelligenza e l’apprendimento non funzionano se non li alimenta il cuore, la volontà non esiste al di fuori dell’interesse e l’interesse non esiste separato da un legame emotivo”, Umberto Galimberti.

"L’educazione è una lenta acquisizione, attraverso riconoscimenti, della gioiadi sé." Umberto Galimberti

PROPOSTA

I progetti saranno adattati alle diverse esigenze dell’utenza. La proposta si attua attraverso la metodologia del Sistema Biodanza  basata sul movimento, sulla musica, sulla relazione  con il gruppo, sul rinforzo dell’identità e sull’innalzamento del benessere psico-fisico. 

FINALITÀ

  • Favorire un maggiore benessere psico-fisico prevenendo lo stress e il burn out negli insegnanti
  • Migliorare le capacità di relazione e di comunicazione
  • Integrare nel processo di conoscenza l’esperienza corporea

OBIETTIVI

  • Stimolare lo sviluppo dei potenziali di vitalità, affettività e creatività
  • Sperimentare diverse modalità di appartenenza a un gruppo
  • Sentirsi parte attiva di un gruppo, sentendo il valore della collaborazione
  • Scoprire gesti e movimenti che facilitano la relazione
  • Affinare le capacità di ascolto dell’altro
  • Migliorare le capacità di valorizzare se stessi e gli altri

 CONTENUTI

- Sentirsi nel proprio movimento (ritmo, autoregolazione, integrazione)
- Relazionarsi attraverso il movimento nel rispetto reciproco
- La “vivencia” in Biodanza
- Rinforzo dell’identità
- I gesti della cura
- Dare limiti con modalità affettive
- Affinare la sensibilità all’altro e  scoprire nuove modalità di relazione

METODOLOGIA


Il termine Biodanza significa “danza della vita”, intendendo la danza nel suo concetto originario e nella sua più vasta accezione di movimento naturale di vita, non assimilato né al balletto né alle altre forme di danze strutturate.  La Biodanza viene proposta nelle istituzioni scolastiche ed educative al fine di migliorare la qualità della vita all’interno del sistema scolastico attraverso una metodologia esperienziale cha favorisce l’integrazione e lo sviluppo dei potenziali sani di ciascuno. Il laboratorio esperienziale a mediazione corporea e comunicazione non verbale consiste in esercizi di movimento individuali, a coppie o di gruppo con l’utilizzo di musiche appositamente scelte. Gli incontri   sono composti da una iniziale parte teorica e da una successiva parte esperienziale- La Biodanza è stata creata da Rolando Toro Araneda, (Santiago del Cile, 1924-2010) educatore, psicologo, antropologo e poeta che ha attinto la sua ispirazione da fonti antropologiche, etnologiche, biologiche e dalle scienze umane. Egli è stato candidato nel 2002 al Premio Nobel per la Pace. La Biodanza è inserita in numerosi programmi sociali ed educativi in Italia e nel mondo.

ORGANIZZAZIONE

  • Numero incontri: 10
  • Durata di ogni incontro: 2 ore
  • Cadenza: settimanale
  • Totale complessivo: 20 ore
  • Numero di partecipanti massimo: 30 

I corsi si svolgeranno nei seguenti periodi :
SETTIMO TORINESE: Scuola INFANZIA E PRIMARIA Ottobre-Dicembre 2018 Lunedì dalle 17 alle 19
CHIVASSO: Scuola INFANZIA E PRIMARA Gennaio – Marzo  2019 Lunedì dalle 17 alle 19
CASTELNUOVO DON BOSCO: Scuola INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA I II grado Feb-Aprile '19 Mercoledì 17-19
TORINO: Scuola INFANZIA E PRIMARIA Gennaio – Marzo 2019  Martedì dalle 17 alle 19

Costo del corso: 160 euro    

(L’Associazione A.R.I.A. rilascerà regolare ricevuta utile al docente per richiedere rimborso tramite la Carta del docente 2017/18) 

L’iscrizione al corso va eseguita compilando l’allegato modulo di iscrizione debitamente firmato e inviato entro il 7/10/2018 per i corsi che iniziano a ottobre e entro il 22 /12/2018 per i corsi che iniziano a gennaio all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 
CURRICULA DEGLI OPERATORI

Amedea Fernanda Cabrini
Laureata in Filosofia, ha insegnato nelle Scuole Secondarie di Primo e secondo grado. Ora in pensione, prosegue l’impegno sociale conducendo con continuità dal 2003 gruppi di Biodanza, privati e nelle Istituzioni.  E’ Operatrice di Biodanza- Sistema Rolando Toro. Si è specializzata come Tutor e Docente nelle Scuole di formazione di Biodanza sotto l'insegnamento diretto del Prof. Rolando Toro. E' inoltre specializzata in Biodanza per bambini e adolescenti, Identità e i quattro elementi, Biodanza e le danze dei colori originari, Biodanza Clinica ( Biodanza e Malattie psicosomatiche e Biodanza e Parkinson), Biodanza e Argilla. Ha tenuto e tiene Corsi per bambini in Scuole dell’Infanzia e Primarie, per insegnanti e genitori insieme, in Circoscrizioni di Torino, in Residenze per anziani, per Diversamente Abili, per diverse Unitre, per donne vittime di violenza, per genitori e bambini insieme. E’ docente della Scuola di Formazione per Operatori di Biodanza di Torino.

Boffo Marilena
Laureata in Lingue e Letterature straniere ha insegnato nella Scuola Media e dal 2010 presso il CPIA 4 di Settimo Torinese. E’ Operatrice di Biodanza- Sistema Rolando Toro. Si è  specializzata come Tutor e Docente nelle Scuole di formazione di Biodanza sotto l'insegnamento diretto del Prof. Rolando Toro. E' inoltre specializzata in Biodanza per bambini e adolescenti, Identità e i quattro elementi, Biodanza e le danze dei colori originari, Biodanza Clinica ( Biodanza e Malattie psicosomatiche e Biodanza e Parkinson), Progetto Minotauro, Biodanza e Argilla. Dal 2003 facilita gruppi di Biodanza con bambini, adolescenti, adulti, e ragazzi e, dal 2013, con adulti diversamente abili presso la Cooperativa "Il margine" di Settimo T.se. E' docente, e dal 2015 Codirettrice, della Scuola di Formazione per Operatori di Biodanza di Torino (www.biodanzatorino.it).E' iscritta all'Albo delle Discipline Bio-naturali ai sensi della L.R. n.2/2005, art.2,comma 2 e del Decreto della D.G. Occupazione e Politiche del lavoro n.4669/2012.

E’ prevista la partecipazione ad un incontro del Dott. Dario Martelli, Direttore dei Corsi.


Dario Martelli
Laureato in Psicologia presso l’Università degli Studi di Torino con indirizzo di psicologia clinica e di comunità, abilitato professionalmente e specializzato in psicoterapia individuale e di gruppo ad indirizzo rogersiano. Fra i suoi titoli professionali anche educatore della prima infanzia, consulente in sessuologia clinica e operatore didatta di Biodanza sistema Rolando Toro. Inizia la sua esperienza nel campo delle professioni sociali e di relazione d’aiuto lavorando come educatore. Il percorso professionale è proseguito collaborando alla nascita del progetto che ha portato alla costituzione del Centro Informagiovani del Comune di Torino con cui ha collaborato per alcuni anni. Attualmente svolge attività libero professionale come psicologo e  psicoterapeuta.
Dal 2003 collabora come formatore nei corsi di counseling e nei corsi di specializzazione in psicoterapia. Dal 1994 facilita gruppi di biodanza ed è didatta in diverse scuole di formazione di Biodanza.

Modulo Iscrizione

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .